lunedì 19 gennaio 2015

road to Vegas...


Penso sia dovere di ogni allenatore spronare i propri atleti ai più alti traguardi possibili, per quanto riguarda le mma dilettantistiche uno di questi è sicuramente il mondiale IMMAF che si terrà a Las Vegas nel mese di luglio.
L'accesso a questa competizione avviene attraverso i "trials", tornei di selezione che seguono il più meritocratico dei principi: va avanti chi vince.
Nella tappa preliminare tenutasi a Gessate erano in palio i posti per il torneo finale che si svolgerà a Roma per decretare i rappresentanti del nostro paese alla prossima rassegna mondiale; dei cinque iscritti purtroppo nessuno riesce a passare lo scoglio del primo turno, Tiziano e Andrea perdono a causa di qualche errore che a parità tecnica ha fatto la differenza, Matteo pur perdendo per decisione lascia il campo a testa alta dopo aver dato vita ad uno degli incontri più incerti ed avvincenti, Gabriele perde soffrendo un po' l'handicap dell'esordio ma dimostrando di non tirarsi mai indietro.
Marco pur non partecipando vince, vince nel momento in cui trovandosi al primo turno opposto ad un suo compagno di squadra decide di lasciarlo passare per permettergli di fare il suo match d'esordio, un regolamento interno prevede il non affrontarsi mai fatto salvo per dei titoli in palio, l'avanzamento è deciso con il lancio della moneta, ma Marco decide di sovvertire la decisione.
Questo episodio mi rende orgoglioso come allenatore, sono riuscito a trasmettere ai miei ragazzi qualcosa di più del semplice spirito agonistico.
Marta come sempre senza avversari accede direttamente al torneo finale di Roma e resta in corsa per un posto sull'aereo che porta negli Stati Uniti.