domenica 31 marzo 2013

marzo.


UWC22
Il mio braccio preme sulla faccia, sento la testa schiacciata come in una morsa, lui si sdraia sopra di me e inizio a faticare a respirare, le forze se ne sono andate da un bel po' da li non lo muovo, vie d'uscita non ce ne sono, batto.
Stranamente il momento successivo non lo vivo come una delusione ma come un sollievo e capisco che anche se non volevo ammetterlo qualcosa che non andava c'era.
Capisco di essere arrivato a Southend completamente esaurito, quell'incontro penso di averlo vissuto mille volte nella mia testa ed il momento in cui dovevo combatterlo davvero la mia testa era già esausta ed il corpo ha seguito lei.
Il mio unico rammarico è non essere stato in grado di onorare gli sforzi di chi mi ha preparato, di chi ha fatto un dritto di 27 ore per venire a vedermi e di chi nei mesi precedenti mi ha sopportato, mi resta solo una convinzione, quella che in futuro i miei errori non verranno commessi dai miei atleti.
UWC22 rimarrà comunque un'esperienza molto importante e che mi porterò dietro per sempre, grazie Teo.


 

SFC8
Da quando sono stato nominato responsabile del settore Shoot Boxe uno dei punti che mi ero posto di realizzare era quello di portare una competizione dilettantistica di MMA in regione, il 24 marzo con lo sforzo di tutta la Yama Arashi il circuito SFC è sbarcato a Piacenza, più di 40 atleti da tutto il nord Italia hanno preso parte alle competizioni all'interno della gabbia, la giornata è stata molto intensa ma l'impegno di tutto lo staff ha fatto in modo la competizione si svolgesse nel migliore dei modi.
Per quanto riguarda il lato sportivo purtroppo il pubblico di casa non ha giocato a favore degli atleti, l'emozione, la paura di sbagliare davanti al proprio pubblico e per alcuni il pensiero dei campionati italiani poco distanti non ha permesso loro di esprimersi al meglio, tutti fuori al primo turno con prestazioni al di sotto delle proprie possibilità tranne Marco che ha vinto agevolmente due incontri e si è dovuto arrendere solo in finale ad un avversario tutt'altro che comodo.
Complimenti a tutti comunque, o si vince o s'impara.